preloader

Lotta al Covid19: il ruolo della Ricerca

tampone rapido

Cosvitec, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica “Ettore Pancini” dell’Università di Napoli Federico II, ha messo a punto un kit per il rilevamento rapido del virus estremamente vantaggioso e innovativo. Alla base c’è infatti una metodologia decisamente più rapida ed economica di quelle attualmente in uso, attraverso la quale sarà possibile effettuare screening di massa. Si tratta di CoVFAST”, un tampone che in soli tre minuti è in grado di rivelare se si è positivi o no al virus SARS-Cov-2. Un’innovazione che potrebbe aprire scenari rivoluzionari, abbattendo i tempi ed i costi e permettendo di rilanciare settori come quello turistico e dell’istruzione messi in ginocchio dal virus. Il test rapido è altamente sensibile, specifico, ed accurato e ha la stessa affidabilità dell’attuale tampone.

Covfast è un tampone naso faringeo che viene eseguito sul soggetto esattamente come il tampone classico, poi viene immerso in una soluzione colloidale che cambia colore solo in caso di positività al virus..

DIFFERENZE CON L’ATTUALE TAMPONE. Innanzitutto il tempo. Non serviranno più le classiche 48 ore per avere dei risultati, ma saranno sufficienti solo tre minuti. Questo metodo è in grado di stabilire anche la carica infettante del soggetto. Se la carica infettante è molto alta, il test darà un risultato positivo anche in un solo minuto.

SEMPLICE UTILIZZO: non necessita di strumentazioni, laboratori certificati e personale specializzato. Può essere eseguito con una semplice provetta. Si tratta di una svolta rivoluzionaria, grazie a CoVFAST si potranno condurre facilmente screening di massa. Fino ad ora un grande limite è stato rappresentato proprio dalle costose apparecchiature e dalla necessità di impiegare personale specializzato. CoVFAST non necessita di siero, sangue o plasma. Altro fattore rilevante è il costo irrisorio del test, molto inferiore rispetto a quello del tampone classico.

Sergio Bolletti Censi, direttore generale Cosvitec. “In questo lockdown mentre il mondo si è dovuto fermare noi abbiamo lavorato per mettere a punto una tecnologia altamente innovativa. Il tampone CoVFAST, efficace in soli tre minuti, si presta allo screening di massa. Potrebbe essere una rivoluzione, pensiamo al settore turistico in grande difficoltà, la ripartenza delle scuole a settembre, ma anche luoghi dove si possono creare assembramenti, concerti, eventi pubblici o sportivi. In soli tre minuti si può avere un risultato affidabile. Le sinergie sono fondamentali, proprio come dimostra la collaborazione con il team del professor Velotta della Federico II. Con le dovute modifiche questo metodo si presta a trovare anche altri tipi di virus”, dichiara Sergio Bolletti Censi, direttore generale della Cosvitec.,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *